LA MADONNA DELLE VIGNE di LUCEDIO – La storia vera? 2a Parte

articolo2vigne1pVIGNE

Tutte le immagini ed il testo compreso nell’articolo sono di proprietà di Piemontefantasma, è vietata la riproduzione, anche parziale, senza il consenso scritto dell’autore.

Dopo la storia vera del piccolo, meraviglioso santuario di MADONNA DELLE VIGNE, ho voluto fare un nuovo post, per aggiungere alcune informazioni che mi erano sfuggite in precedenza.

LA STATUA

La statua, come detto nel post precedente, è da attribuire a GB Plura ed eseguita alla perfezione.

Avevo ragione di credere e di sperare, che la statua si trovasse oggi presso la chiesa di Montarolo e mi sbagliavo…

Un articolo apparso su “La Stampa” nel 1981, ci svela la fine della magnifica scultura:

Il simulacro della Madonna, opera dello scultore settecentesco Plura, buttata in un fosso, recuperato, ha trovato rifugio nella chiesa abbaziale di Lucedio.

un lieto fine quindi, per un pezzo di questa triste storia, sono realmente molto curioso di vederla e spero di riuscire a farlo il prima possibile, a patto che si trovi ancora li…

Lo stesso articolo però ci svela che in un passato non molto remoto, alcuni scavi archeologici sono stati condotti sull’altura che ospita la chiesetta, vennero rinvenuti reperti di epoca romana ed anche parti di fondazione chiaramente di epoca romana, viene quindi ipotizzato che la chiesa possa essere stata eretta sulla base di un lucus, antico tempio romano, se così fosse, sarebbe addirittura più antica delle grangie di Lucedio!

L’ABBANDONO

Un altro articolo, parla dell’abbandono, ponendo una data… il 4 dicembre 1990 un articolo titola:

C’è da salvare

I GIOIELLI DELLE GRANGE VERCELLESI

Nell’articolo, si fa cenno al santuario e si descrive come “abbandonato da circa 18 anni”, possiamo quindi postdatare l’evento, avvenuto intorno al 1972.

L’AFFRESCO

Per quanto riguarda il famoso “Spartito del diavolo”, potrebbero esserci alcune informazioni su di un libro che però non riesco a reperire in nessun modo, quasi che il mistero voglia rimanere tale, il libro in questione è:

M. Perotti, La pittura dei secoli barbari parte seconda

in tale pubblicazione, esisterebbe un attenta descrizione degli affreschi all’interno della chiesa.

 

 

 

 

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...